Dedicato
ai più piccoli

Kids

KidsLab – Infiltrati

Data Ora Luogo
10- 11- 17- 18  Settembre dalle 10 alle 13 e dalle 14.30 alle 18.30
Portico Palazzo della Ragione, Piazza Vecchia

La forza del selvaggio, l’irrompere del verde, il dilagare inarrestabile e indomabile della Natura. moBLArte pone queste riflessioni alla base della propria progettazione dedicata ai bambini e agli adulti, nell’idea di condurli a nominare e riconoscere il selvaggio, proponendo esperienze che possano avere come tema l’informe e la sua ricchezza così come la forza dell‘infiltrato, di chi rompe la struttura. 

                  

Infiltrati

Promosso da moBLArte che è Cultura dell’Infanzia. Ha come finalità il bambino e l’integrazione tra le generazioni, per questo le attività proposte saranno rivolte sia ai più piccoli nella fascia 0–36 mesi, ai bambini, ma anche al coinvolgimento della famiglia e alla collaborazione con i più grandi attraverso l’installazione collettiva.
Il selvaggio. Che cosa è il selvaggio? Prima ancora che nel green design, ci siamo chiesti quale fosse l’immaginario connesso con questa parola. Selvaggio come informe, incontaminato, trasgressivo, senza regole, temibile, libero, irrompente, brutale...
Nel selvaggio c’è un sentimento ambivalente di libertà e costrizione, giusto e sbagliato, ordine e disordine, ammirazione e condanna, forza e paura...
Selvaggio è lo svilupparsi in relazione alla necessità, secondo il “giusto” che diviene “bello”, è quel diffondersi e crescere secondo un principio interno di armonia, che crea quel che necessita, dispone nel bisogno, e si connette all’ esterno per richiamo e compensazione.
Nel silenzio dell’osservazione, si scopre che il selvaggio nella natura è aureo, un equilibrio di equilibri, una fotografia di biodiversità, una costellazione in movimento.

Il selvaggio ci ha portato al Manifesto del Terzo Paesaggio:
- Istruire lo spazio del non fare così come si istruisce lo spirito del fare
- Considerare la non organizzazione come un principio vitale grazie al quale ogni organizzazione si lascia attraversare dai lampi della vita
- Avvicinarsi alla realtà con stupore
- Considerare la mescolanza planetaria, propria del terzo paesaggio, come un motore dell’evoluzione
- Insegnare i motori dell’evoluzione come si insegnano le lingue, le scienze, le arti…
- Considerare la dimensione planetaria
- Presentare il Terzo Paesaggio non come un bene patrimoniale, ma come uno spazio comune del futuro
- Conservare o far crescere la diversità attraverso pratiche consentite di non organizzazione
- Disegnare un’organizzazione del territorio per maglie larghe e permeabili
- Creare tante porte quante ne servono alla comunicazione tra i frammenti
- Facilitare il riconoscimento del terzo paesaggio alla scala abituale dello sguardo
- Imparare a nominare gli esseri
- Pensare i limiti come uno spessore e non come un tratto
- Penare al margine come a un territorio di ricerca sulle ricchezze del nascono dall’ incontro di ambiente differenti
- Elevare l’improduttività fino a conferirle l’autorità politica
- Valorizzare la crescita e lo sviluppo biologici, in opposizione a crescita e sviluppo economici
- Proteggere i siti toccati da credenze come un territorio indispensabile per l’errare dello spirito
- Non aspettare: osservare ogni giorno

La forza del selvaggio, l’irrompere del verde, il dilagare inarrestabile e indomabile della Natura.
moBLArte pone queste riflessioni alla base della propria progettazione dedicata ai bambini e agli adulti, nell’ idea di condurli a nominare e riconoscere il selvaggio, proponendo esperienze che possano avere come tema l’informe e la sua ricchezza così come la forza dell‘infiltrato, di chi rompe la struttura.
Le giornate saranno tutte caratterizzate da un’area dedicata ai più piccoli, ovvero la fascia 0–36 mesi, un’area atelier e un’area di installazione collettiva.
L’ installazione collettiva rimarrà la stessa per tutti gli appuntamenti, crescerà semplicemente nell’ordine di chi vorrà partecipare e contribuire a farla evolvere, mentre i laboratori dedicati ai bambini verranno alternati nei due fine settimana (10-11 settembre e 17-18 settembre 2016).

Condividi su