Filippo Motta

Professore di glottologia e filologia celtica all’Università di Pisa

Nato a Pisa il 17 Maggio 1950, ha studiato a Pisa, Köln, Heidelberg e si è laureato nel 1973 con una tesi sul lessico delle iscrizioni ogamiche antico irlandesi. Specialista di linguistica celtica si è occupato di epigrafia celtiberica, fornendo la prima interpretazione della faccia B dell’iscrizione di Botorrita. E’ stato relatore su invito al Congresso Internazionali di Studi Celtici di Parigi del 1991. Da oltre dieci anni partecipa alle annuali campagne di scavo in Val Brembana insieme agli archeologi del Museo Archeologico di Bergamo e dell’Università Cattolica di Milano occupandosi in modo particolare della componente epigrafica e linguistica. Dopo essere stato ricercatore e professore associato di Glottologia e incaricato di Filologia celtica presso l’Università di Pisa è stato Professore straordinario di Linguistica generale nell’Università di Chieti-Pescara dal 1994 al 1997 e, ad ora, è professore nel corso di Laurea Magistrale in Filologia, Letteratura e Linguistica presso l’Università di Pisa. E’ membro dell’Istituto di Studi Etruschi e Italici, della Societas Celtologica Europaea e dei comitati di redazione di Études celtiques, Studie Saggi Linguistici e Studi Classici e Orientali.